APPELLO URGENTE PER GEGE' !!!

09-11-2018 - Gegè rimane per noi il nostro distributore di sorrisi.
Presto sarà visitato dal chirurgo e solo allora ci pronunceremo. Gegè allo stato attuale sta benissimo, la decisione di un altro eventuale intervento la prenderemo con il chirurgo ma siamo tutti del pensiero che se l'intervento a cui dovrebbe essere sottoposto è solo di natura estetica, per noi rimane superfluo. Solo se questo dovesse influire sul suo benessere noi procederemo.
Ma che dire? Lui è un cane super e chi ha avuto l'opportunità di conoscerlo confermerà di certo le nostre parole. Gegè è unico e speciale. Ciò che ogni giorno gli ripetiamo è "Chi sei tu?".
In queste parole c'è racchiuso tutto.

19-10-2018 - Non so chi tu sia, non so se il tuo essere festoso è la linfa per andare avanti, non lo sapremo mai chi c'è in te, o forse...
Anche un'altra creatura del rifugio mi aspettava così, ogni giorno. Stava ore ore a fissare quel cancello aspettando di vedermi entrare, riconosceva da lontano la mia macchina. Ora ci sei tu ma ... sei un monello amore mio, sei un cavallino pazzo e quante volte ci fai correre perchè tu ti fai il tuo giretto!!!!!!!! Sei il nostro sorriso, sei l'anima bella, tu sei la luce e la speranza di ogni giorno. Tu sei GEGE'

14-09-2018 - Se poco poco si pensasse a tutto quello che ha passato questa creatura qualcuno si inginocchierebbe di fronte a lui.
Solo chi lo conosce o lo ha conosciuto sa cosa può donare Gegè. Solo chi lo ha accarezzato percepisce l'amore e gli insegnamenti di questa meravigliosa creatura. Penso che Gegè sia un cane che meriterebbe la prima pagina di un giornale, basterebbe conoscerlo. Gegè è unico, sa trasmettere tanto amore per cui non esistono parole.
La sua sofferenza, il suo vagare, l'arrivo al rifugio la notte di Natale. Chissà chi sei Gegè? Una domanda che noi ci poniamo sempre. Non lo sappiamo chi è Gegè, il nostro meraviglioso giullare.

07-08-2018 - Sono passati esattamente due mesi e mezzo dall'intervento di Gegè e lui sta benone. Dovrà essere visitato dal chirurgo, ancora non sappiamo quando e di conseguenza non ci possiamo pronunciare, sarà lui a dire come procedere per il futuro.
Intanto lui ormai è incontenibile, non lo teniamo più e credeteci se diciamo che la sua felicità è anche nostra!
Grazie a tutti amici per il vostro infinito affetto per Gegè, lui è unico.

18-07-2018 - Lui ormai è diventato il boss del piazzale.
Gegè sta benone e per quanto riguarda il successivo intervento dobbiamo ancora aspettare ma state sereni tutti, gode di ottima salute, è un tesoro meraviglioso, forse nemmeno noi sappiamo chi è Gegè.

09-07-2018 - Gegè fuori in piazzale è tranquillo, sta proprio bene, sembra nato e cresciuto qui.
E poi è bravo con tutti, grande Gegè!
... e ogni tanto fa i dispetti ....

15-06-2018 - Gegè ormai è il re del piazzale, corre con le orecchie al vento, felice della vita!!!!!!!
Mai arrendersi!!!!!!

14-06-2018 - GEGE' ALLA CONQUISTA DEL MONDO!!
Oggi ho fatto gli onori di casa e piano piano sto riprendendo i contatti con il mondo. E' venuta a trovarmi la mia amica Gabriella in ferie in Sardegna, lei sa tutto di me ed era così emozionata quando mi ha abbracciato forte forte. E' proprio brava questa signorina bionda. Quanto amore mi circonda, chi lo avrebbe mai immaginato? Grazie a voi famiglia speciale!!

13-06-2018 - GEGE' E IL PROFUMO DELLA LIBERTA'!!!!!
Con le orecchie al vento oggi, per la prima volta, Gegè è uscito nel piazzale. Subito i pettegoli sono corsi tutti intorno ad annusarlo, lui tremante ma fiero. Vai Gegè, fai vedere al mondo intero chi sei, fai vedere che il bene vince sempre sul male.
La strada per il recupero è ancora lunga, ma a piccoli passi ce la faremo!

06-06-2018 - Gegè oggi è stato portato in clinica per la visita di controllo. Il nostro giullare si sta comportando bene, la ferita è bella ed il post operatorio procede come previsto.
Che dre? Avanti tutta!!!

04-06-2018 - Oggi per salire sulla scrivania ha delicatamente buttato giù dalla sedia la sua tata, giusto perchè le buone abitudini non si abbandonano mai ...
Intanto i giorni passano e lui sopporta tutto con una pazienza indescrivibile. Solo quando si ricorda di avere addosso il collare di Elisabetta si agita un pochino, diversamente è il nostro Gegè di sempre.

01-06-2018 - E così finalmente il nostro campione è tornato a casa, non possiamo descrivervi la sua felicità.
Sembrava un bimbo la notte di Natale. Ha fatto il giro di tutte le gabbie e ha salutato tutti i suoi amici in degenza e poi ha cercato di riprendere la sua postazione, ma con il collare di Elisabetta deve ancora prendere bene le misure.
Ha l'argento vivo addosso, oggi era impossibile fotografarlo. Vi da la buonanotte col suo splendido sorriso e vi ringrazia tutti, uno per uno.

30-05-2018 - Gegè è sempre più allegro, ci manca tantissimo al rifugio ma deve stare ancora in clinica. Manca perchè lui ci da la forza di vivere e di lottare, Gegè è una forza della natura.
Ogni giorno è un passo in avanti, noi aspettiamo ma quanto è dura!

28-05-2018 - Gegè sta decisamente meglio, tutto procede bene, speriamo che continui così.
Lui poi è unico, sta riacquistando la sua solarità, oggi in clinica ci ha fatto tante feste. Deve rimanere ancora ricoverato, il suo è stato un intervento delicatissimo, ogni minimo dettaglio va immediatamente seguito. Caro Gegè ci vorrà un mutuo per restituirti tutta la tua bellezza.
Grazie a tutti amici per il muro di protezione e amore che avete costruito intorno a Gegè!

25-05-2018 - ll nostro amore grande è ancora in clinica, tutto dolorante nonostante sia sotto antidolorifici, ma tutto procede per il meglio.
Gegè è un vero guerriero ma stringe il cuore a guardalo. Diventerà bello credeteci.

24-05-2018 - Carissimi amici oggi il nostro Gegè è stato operato. Tutti abbiamo sentito la sua mancanza in ambulatorio, un grande vuoto.
Gegè è un cane speciale, è difficile trovare le parole per descriverlo, forse non esistono nemmeno. Siamo tutti convinti che abbia qualcosa di particolare, è un trasmettitore d'amore immenso.
Abbiamo fatto questa premessa per spiegare il nostro stato d'animo, per questo ve lo comunichiamo ad intervento avvenuto, non volevamo trasmettervi la nostra ansia. In fondo siete voi che permettete ai nostri ragazzi di raggiungere la meta, so che ci perdonerete per questo nostro grande segreto.
Quello di oggi è stato un primo step. Purtroppo l'arteria che si sarebbe dovuta usare per creare l'ebo peduncolato è stata danneggiata dal colpo di arma da fuoco, dalla rosa di pallini sparata a distanza ravvicinata.
Altre due arterie sono risultate troppo piccole per poter essere utilizzate, non sarebbero state sufficienti per correggere la lesione. Sono stati quindi creati tre lembi di scorrimento ed utilizzata la parte inferiore del labbro, è stato ricostituito il rino labiale laterale in modo che Gegè sia in grado di trattenere il cibo in bocca e non fuoriesca.
Hanno utilizzato un altro lembo di scorrimento che è passato sotto l'occhio che va a chiudere buona parte della cavità nasale danneggiata e in più è stato usato l'altro labbro, scollando la mucosa, per ricostituire la parete interna della bocca.
Insomma, un lungo e difficilissimo intervento. Abbiamo dovuto aspettare tutto questo tempo per avere un quadro ottimale di salute di Gegè. Ed ora in alto i cuori e domani vi aggiorneremo sul decorso post operatorio. Il nostro Campione è unico!!!!!!!!!!
Grazie a tutti amici!!!!

27-04-2018 - E così oggi mi hanno portato in quel posto dove un pochino mi tremano le gambe, ma il dottor Messina è stato bravissimo e mi ha fatto addormentare senza che nemmeno me ne accorgessi.
Le tate però sono monelle, me lo potevano almeno dire! Il mio amico Salvo mi aveva avvisato di stare all'occhio ma capirai, proprio a me lo viene a dire?
Insomma per non tirarla per le lunghe vi dico che ho fatto di nuovo una pulizia approfondita perchè ne avevo veramente bisogno e poi ... niente, qui ci stiamo preparando per il grande giorno, però mi hanno detto che non sarà per niente una passeggiata perchè la mia situazione è veramente tanto delicata.
Dopotutto non mi sarei aspettato nulla di diverso perchè io sono tutto particolare, come me non c'è nessuno e quindi anche la mia ferita non poteva che essere unica nel suo genere.
A giorni sarà il mio grande giorno e quindi niente, dita, piedini e zampette incrociate e poi tornerò col mio sorriso più smagliante, grazie a tutti voi amici.

25-04-2018 - Sto bene con gli occhiali da sole? Sapete devo tenere un certo tono perchè sono con la mia amica Giulia, una ragazza di Firenze che viene sempre a trovarmi e si è innamorata di me.
Amici volevo dirvi che vi voglio tanto bene e vi chiedo di starmi tanto tanto vicino.

23-04-2018 - Ieri Gegè è stato visitato dal veterinario oftalmico che ha confermato che il suo occhietto è perso, traforato da un pallino e pertanto non c'è nulla da fare.
Ora aspettiamo il nostro chirurgo che a giorni ci relazionerà su come procedere. Abbiate pazienza, la situazione di Gegè, deve essere valutata nel migliore dei modi per procedere nella maniera corretta. Noi faremo tutto quello che il chirurgo riterrà opportuno. Siamo in buone mani tranquilli.
Noi intanto ci facciamo le coccole a vicenda o meglio, oggi le ha fatte lui alla sua tata che ne aveva tanto ma tanto bisogno...

20-04-2018 - Finalmente domani Gegè sarà visitato dal veterinario oftalmico per valutare le condizioni dell'occhietto sinistro.
E' sempre sotto antibiotici per curare l'infezione causata dal pallino, che ha creato una fistola. Insomma, noi qui non ci facciamo mancare niente.
Lui ha una pazianza infinita, anche con il micino che la tata si porta ovunque perchè in allattamento, appena ce l'ha a tiro gli da di quelle leccate!!
Domani sera vi aggiorneremo sull'esito della visita.

13-04-2018 - Oggi è venuto al rifugio il dottor Messina che ha fatto una bella visita al nostro campione e sinceramente ci ha detto quello che non aspettavamo, ci sono alcuni pallini che hanno creato una fistola e c'è una infezione in atto. Inoltre il chirurgo vuole maggiori accertamenti sull'occhio sinistro.
Subito sotto terapia per combattere l'infezione e giovedì sarà nuovamente visitato dallo specialista.
Sei un campione Gegè, non dobbiamo abbatterci ma solo ripercorrere tutta la strada fatta insieme e pensare a tutto ciò che di bello il futuro ti riserverà.
Avanti tutta e in alto i cuori!!!

11-04-2018 - Qualche giorno fa avevamo comunicato che dopo il 7 aprile Gegè avrebbe avuto un sorriso tutto nuovo.
L'appuntamento fissato da tempo con il dottor Messina per la visita pre intervento è per domani 11 aprile. Si tratta di un incontro in cui valuterà le sue condizioni generali, dopo 3 mesi dal tragico incidente. Siamo parecchio in agitazione, come sempre in queste situazioni.
Finalmente domani sapremo e potremo relazionarvi al meglio.
Grazie a tutti per la vostra vicinanza, dovreste veramente conoscerlo per toccare con mano la dolcezza e la simpatia di questa meravigliosa e angelica creatura.

09-04-2018 - Oggi la tata bionda ha portato al rifugio uno dei micini che ha in allattamento, il più piccolino e in attesa di riportarlo a casa è rimasto tranquillo in ambulatorio, fino all'ora in cui il pancino ha iniziato a brontolare.
Le sue pappe hanno sc
atenato la curiosità di tutti, specialmente di Gegè che, abbiamo scoperto, ama i gatti, ne è particolarmente incuriosito.
Lo ha riempito di baci e leccatine, è stato uno spasso!!

 

30-03-2018 - Qualche attimo di vita quotidiana in ambulatorio. Il nostro supervisore che tiene tutto sotto controllo e siccome non è già abbastanza alto, deve anche salire sulla sedia...
Avete visto chi arriva dietro veloce come una scheggia? E pensare che non sapevamo cosa ne sarebbe stato di lui, ma la sua voglia di vivere è stata più forte di tutto, Edo è una forza della natura.
Un po' tutti qui dentro a dire la verità.

 

23-03-2018 - Volevamo dirvi che è deciso, il nostro Gegè verrà operato dopo il 7 di aprile.
Ora intanto lui fa il direttore e controlla sempre tutto. Anche lui ha confermato alla nostra veterinaria Gaia ed al dott. Messina che è d'accordo per la data prestabilita. Gegè ringrazia tutte le persone che permetteranno la sua rinascita, con tutto il cuore!!

09-03-2018 - Oggi il nostro supervisore è andato a farsi un giretto in clinica, è andato a trovare il dottor Messina e il suo staff.
E' stato sottoposto a controlli specifici in vista dell'intervento, ha fatto elettrocardiogramma ed è tutto ok. Il nostro guerriero è quasi pronto e noi tutti Gegè facciamo il tifo per te!

22-02-2018 - E mi dica dottoressa, Lei che conosce il dottor Messina, secondo Lei le sa fare le punture? Non è che poi sento male? Perchè a me quello che fa veramente paura è la puntura, ho sentito dire che punge!!
Cercando sicurezze :D
Caro Gegè, noi abbiamo più paura di te e non sai nemmeno quanto!! Ma stai tranquillo che il dottor Messina ha la mano delicata e la puntura non la sentirai nemmeno :)

13-02-2018 - Finalmente è tornata al rifugio la tata Donatella e Gegè l'ha accolta con tutti gli onori.
Non vedeva l'ora di conoscerlo, di riabbracciare tutti ed è rimasta sconvolta dalla nostra situazione. E' stata via pochi mesi, ma così tanti ingressi non li aveva mai visti. Da domani la rimettiamo al lavoro, che qui c'è tanto da fare.
Adesso Gegè ha un'amica in più, ma non ditelo a Salvo!!!

09-02-2018 - Un grazie speciale ad una nostra amica di Nuoro che ha regalato a Gegè questa meravigliosa poltrona che lui divide con i suoi amici.
Grazie dal profondo del cuore, per noi è una gioia immensa vedere quanto sono amati i nostri Ragazzi, creature che fino a ieri erano invisibili agli occhi dei più ma che con voi hanno trovato la famiglia più meravigliosa che c'è!

07-02-2018 - Oggi il dott. Messina è venuto a controllare Gegè, lo ha trovato bene, tutto procede e presto lo opereremo.
Gegè è unico e speciale, un cane meraviglioso. L'intervento si avvicina e tutti dovremo mandare tanta tanta forza, il suo intervento è molto complicato e difficile ma lui è Gegè e di Gegè ce n'è uno solo.

05-02-2018 - Gegè e i grattini, da quando li ha scoperti non potrebbe più farne a meno.
Forza che manca poco e poi ti vedremo sorridere come solo tu sai fare!!!!!

 

29-01-2018 - Gegè vuole ringraziare tutti gli amici che venerdì sera a Bologna hanno partecipato allo spettacolo organizzato per raccogliere fondi per i suoi interventi.
Ringrazia le volontarie che si sono occupate di tutto, Rina, Cinzia, Noemi, Cristina e chiunque abbia regalato il proprio tempo per far si che tutto fosse perfetto ed accogliente.
Ringrazia gli artisti grazie ai quali tutto questo è stato possibile, tutte tutte le persone che hanno prestato la loro arte per intrattenere il meraviglioso pubblico che ha partecipato.
Ringrazia tutti gli amici che erano presenti e tutti quelli che non hanno potuto partecipare ma hanno contribuito con donazioni.
Sicuramente ci siamo dimenticati qualcuno, ma sappiamo che ci perdonerete.
Sono stati raccolti 1700 euro da cui dovremo detrarre le spese, che andranno nel salvadanaio in cui stiamo raccogliendo le donazioni per poter far fronte a tutti gli interventi, alle terapie e a tutte le spese che la nostra Associazione sostiene dal suo arrivo e sosterrà fino a completa guarigione.
Grazie a tutti amici, grazie Bologna, siete grandi!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

28-01-2018 - E mentre il Rifugio dorme, in una città lontana da qui, in questo preciso momento, tante persone stanno assistendo ad uno spettacolo organizzato al fine di raccogliere fondi per gli interventi che Gegè dovrà affrontare.
Il narratore ha raccontato ai presenti la sua storia ed anche quella di tutti i nostri Ragazzi, perchè non tutti ci conoscono, ma spinti dall'amore per gli ultimi non hanno esitato ad accorrere per aiutarci.

Sono arrivato al Rifugio la sera di Natale.
Sono stato soccorso da un ragazzo in mezzo alla strada, ero davvero sfinito, vagavo da giorni con un dolore immenso, senza una goccia d’acqua o un po’ di cibo, con un occhio accecato da quel fuoco che mi hanno fatto scoppiare improvvisamente sul muso. In tanti mi hanno visto, ma mi hanno scansato tutti, forse perché facevo impressione.
Forse Babbo Natale ha voluto farmi un regalo, perchè ad un certo punto ho incrociato una brava persona che non si è voltata dall’altra parte, non ha avuto paura del mio aspetto orrendo e si è avvicinato a me. Ha capito che la gravità del mio stato non ammetteva ritardi e ha telefonato al Rifugio I Fratelli Minori per chiedere aiuto.
Chi poteva rispondere se non la Tata Bionda?
E così sono arrivato in questo posto enorme, non potete capire, ci sono quasi 1000 fra cani e gatti qui dentro. Sono rimasto un po’ impressionato da tante voci, tutti ad abbaiare quando sono arrivato. Mi hanno portato subito in infermeria e mi hanno attaccato un tubicino a una zampa per darmi da bere e delle medicine, era da tanto che non bevevo!!! E finalmente non ho più sentito dolore.
Due giorni dopo un super dottore, il dott. Messina, mi ha visitato. Dalle radiografie risulta che ho la testa piena di pallini di piombo, di cui tanti dentro l’occhio, ecco perché non ci vedo più! Comunque, qualcuno mi ha sparato in faccia, questo ha detto il dottore. Io non mi ricordo come è successo. Forse avevo infastidito un pastore, magari cercavo qualcosa da mangiare e mi sono avvicinato a qualche casa, o a qualche pollaio, non lo so. Ricordo il colpo secco vicino all’orecchio. E il dolore, il DOLORE, e la PAURA, QUANTA PAURA!!!!
Il dottore mi ha addormentato e ripulito tutta la ferita, ha tolto la pelle e i tessuti oramai morti, ha tolto tanti pezzetti di osso che non servivano più a niente. Poi però ha dovuto sospendere. Ero troppo debole per rimanere addormentato più a lungo di così. Ma almeno ora riesco a respirare senza soffocare. Mi mancano tanti denti, ma qui c’è una bravissima zia Laura che mi cuoce la pastasciutta e le lasagne. Sono buoniiiiiiissime, non le avevo mai mangiate!!!
Si possono inghiottire senza bisogno di masticare, sono morbide, così con il passare dei giorni acquisto peso e tra poco sarò pronto per il prossimo intervento. Mi devono togliere l’occhio, lui è morto. Poi mi dovranno impiantare una protesi perché mi manca troppo osso oltre ai denti, e poi dovrò fare ancora un’altra operazione, ma mentre il dottore spiegava alla Tata bionda, lei mi accarezzava e io mi sono appisolato tra le sue braccia e non ho capito più niente.
In questo posto chiamato ambulatorio ci sono tante gabbie piene di gatti e cani malati, alcuni si muovono, altri stanno immobili e allora io, che posso girare e dormo sotto la scrivania li vado a confortare. C’è Edo che è stato investito e ha la schiena spezzata, le sue zampe posteriori non si muoveranno più; c’è Morgan a cui hanno dovuto amputare una zampa, lui è molto triste e non vuole più alzarsi, sta sempre sdraiato.
Io e Edo gli diciamo che deve ringraziare, lui può ancora correre e passeggiare, Edo non potrà farlo mai più! E annusare i profumi dell’aria, io non sentirò mai più gli odori! Speriamo che si riprenda, il suo cuore è davvero in frantumi. Poi c’è Nonnino, cieco e senza denti, tutto arruffato, poi Cecilia che aveva un gran male al collo ed è stata portata d’urgenza di là dal mare da un altro bravissimo dottore che l’ha operata e la rimanderà qui a breve, lo stesso dottore da cui dovrà andare Edo appena possibile.
Lei tra poco prenderà un aereo! Poi ci sono alcuni cuccioli malaticci e dei gatti che non camminano, anche loro investiti… Io giro in mezzo a tutto questo dolore, parlo con loro, li consolo, gli racconto la mia storia per distrarli….. sperando che arrivi per tutti una bella famiglia.
Grazie dal profondo del mio piccolo fortissimo cuore, grazie per darmi una seconda possibilità.
Gegè

26-01-2018 - Oggi la zia Laura è andata a trovare Gegè e tutti gli ospiti in ambulatorio.
Se entrare al rifugio per qualcuno è difficile, arrivare qui per chi non è abituato è una vera prova di forza.
Per arrivare in ambulatorio ci sono dei percorsi obbligatori per cui passi fra mille occhi ti scrutano, zampe che cercano di attirare la tua attenzione, musi che si infilano ovunque pur di arrivare il più possibile vicino a te e quindi quando entri qua hai già il cuore in tumulto. Ma poi quando loro ti vedono ti accolgono fra mille feste, perchè anche se non sono troppo in forma la voglia di vivere e godere delle cose belle della vita non la perdono mai.
Gegè inutile dirlo, ha monopolizzato l'attenzione della sua cuoca preferita e la dolcissima Diva ha capito che se vuole mettere su qualche kiletto se la deve fare amica.
Questa è la nostra quotidianità, da noi tutte le emozioni si vivono a mille, diversamente che gusto ci sarebbe?

25-01-2018 - Oggi la tata bionda è stata tenuta in scacco per pochi minuti, giusto il tempo che voleva ritagliarsi per tappare il grande buco che aveva nello stomaco con due crackers, ma si è tenuta la fame sino alle 5, ora in cui abitualmente pranza.
Gegè e Ulisse non le hanno dato tregua finché non hanno dato fondo al pacchetto e badate bene, avevano appena mangiato la loro pappa .... Stanno diventando un'associazione a delinquere, ma solo a guardarli ti sciogli e quindi con il cuore gonfio di gioia e i morsi della fame, con le mani vuote è stata lasciata libera di tornare a lavorare.
Incredibile cosa fa fare l'amore!!!

 

24-01-2018 - Ogni giorno è una nuova scoperta e lui credeteci se vi diciamo che è di una simpatia unica.
Sta tirando fuori il suo carattere ed ormai è diventato incontenibile. Si mette li davanti al cancelletto e l'aspetta, sa quando lei sta per arrivare e lui sta li buono ad osservare tutto quello che succede nel piazzale, ma quando la sua tata arriva è un tripudio di feste baci e coccole a volontà.
Gegè è così e la cosa bella è che la sua felicità è contagiosa e mentre sei con lui ti fa dimenticare tutte le brutture che hai in testa e i mal di pancia.
Ecco questo vorremmo dire alle persone che continuano a bannare le sue foto, fatevela una bella risata e pensate che la vita è bella!! C'è chi può suscitare impressione per il suo aspetto esteriore ma nonostante tutto è amato da migliaia di persone capaci di guardare con gli occhi del cuore.

23-01-2018 - Oggi entrando in ufficio l'ho trovato così ... ormai non lo ferma più nessuno!!
Questa per Gegè è casa, siamo sicuri che lui si sente come un pascià e voi lo sapete, noi siamo per il metodo Montessori, quindi se per lui salire sulla scrivania significa aver acquisito sicurezza e allora ben venga!!
Vai Gegè continua così, tu sei un cuore di cane.

22-01-2018 - Ieri pomeriggio, dopo la visita del dottor Messina, Gegè si è preso la sua bella dose di coccole dalla tata bionda che però ad un certo punto, avendo mille cose da fare ha dovuto lasciare l'ambulatorio.
Lui monello, per seguirla anche solo con lo sguardo è prima salito sulla sedia e poi direttamente sulla scrivania, osservandola dalla finestra ma ......... non era solo!!!!
Queste foto sono un bellissimo regalo, chi mai lo avrebbe immaginato?
Vai Gegè, continua così che sei grande.

21-01-2018 - Oggi è venuto a trovarci il dottor Messina, ieri purtroppo è stato trattenuto in clinica e non ce l'ha fatta.
E' contento di come ha trovato Gegè, anche se è rimasto impressionato dalla sua magrezza, ne deve aver patita di fame il nostro bimbetto.
Gli ha fatto una bellissima visita:
"Oggi ho rivisto Gegè dopo quasi 25 giorni. C'è un notevole miglioramento, i tessuti hanno un bell'aspetto, è stato rimosso altro osso necrotico e quelle parti della cui sopravvivenza eravamo incerti, comunque il tessuto appare buono.
Le condizioni del cane sono in netto miglioramento, ci vuole ancora un pochino perchè deve guadagnare ancora un po' di peso ma ci siamo quasi per fare le prime chirurgie.
Per il resto Gegè è un personaggio simpatico, gioioso e ha mantenuto il suo buon carattere".
Che dire? Andiamo avanti dritti verso la meta e chi non vuole stare accanto a noi, chi rimane impressionato dalle sue condizioni tanto da segnalare le foto, senza pensare che gli sta facendo violenza una seconda volta be .... Gegè non ha bisogno di voi. C'è una cosa che non gli potrete mai togliere, la sua voglia di vivere!
Lui è un portento, domani vi faremo vedere delle immagini che non hanno bisogno di parole e dalle quali potrete capire molte cose su di lui e sugli animali in genere che fortunatamente non hanno limiti nè vivono a compartimenti stagni, come alcuni elementi della nostra specie.

19-01-2018 - Gegè ringrazia per il grande cuscino ricevuto in dono ed è lieto di condividerlo con i suoi compagni di sventura.
Diversamente non avrebbe potuto fare perchè è stato letteralmente assalito :)
Grazie ai nostri donatori che hanno sempre tanto amore per i nostri Ragazzi, come faremmo senza di Voi? Siete la parte migliore di questa terra e noi ci sentiamo profondamente orgogliosi di avervi sempre accanto a noi. Siete solo voi gli artefici delle gioie dei nostri tesori, voi siete la speranza di un mondo migliore, parola di Gegè!

18-01-2018 - E questa di Gegè è la parte "sana".
Ecco come la devastazione causata dallo sparo ha minato il suo muso. Il lavoro di ricostruzione non sarà una passeggiata ma lui diventerà un fiore.
Intanto lo stiamo rimettendo in carne per affrontare il tutto e ringraziamo chiunque vorrà aiutarci a sostenere gli ingenti costi degli interventi a cui andrà incontro.
Forza Gegè che ci sono tante persone che ti amano e permetteranno la tua rinascita.

17-01-2018 - Stasera vi mostriamo in toto il muso di Gegè, perchè noi in tutte le cose che facciamo ci mettiamo la faccia.
E' giusto che si veda lo stato di questa creatura con il viso devastato da un colpo di arma da fuoco.
Solo l'intervento di ricostruzione potrà restituirgli tutta la sua bellezza. Il giorno si avvicina, noi non abbiamo fretta ed anche Gegè condivide il nostro pensiero.

15-01-2018 - E di lui cosa possiamo dirvi? Gegè è speciale, è affettuoso e gioioso.
Chissà cosa diventerà quando dal suo muso sparirà parte dell'orrore subito? Sei unico Gegè!
Grazie per tutto l'amore che gli donate, lui lo sa che senza di voi non avrebbe un futuro, siete voi che permetterete la sua rinascita.

12-01-2018 - Gegè ha mangiato la pasta, perchè lui nonostante tutto è una creatura speciale.
Gegè ti abbraccia con il suo sguardo, riesce a farti sorridere anche quando non vorresti.
Sta ingrassando piano piano. Saranno difficili gli interventi che dovrà affrontare ma con voi ce la faremo. Gegè ringrazia tutte le persone che con un piccolo gesto pensano a lui, ha veramente bisogno di tutti voi per arrivare al traguardo.

10-01-2018 -Per Gegè le coccole sono una cosa irresistibile, le adora e si scioglie appena lo tocchi.
E' un monello di prima categoria, non puoi avvicinarti a nessuno che lui infila la sua testolina proprio fra te e il contendente, per prendersi carezze e baci. Abbiamo paura di fargli male anche solo sfiorandolo, ma non vediamo l'ora di poterlo abbracciare strettissimo e riempirlo di baci dappertutto!!!!
Bellezza e tenerezza non hanno paragoni con nient'altro, Gegè è amore allo stato puro. Noi ce lo spupazziamo giorno dopo giorno ed è un piacere viziarlo. E' con noi da due settimane e ha portato il sole al Rifugio!

 

09-01-2018 - In tanti ci state chiedendo quando verrà operato. Purtroppo dobbiamo aspettare che il suo fisico si rimetta per poter affrontare l'anestesia.
Gegè non ha mangiato per molto tempo e sicuramente anche prima non aveva una vita felice ...
Ancora un po' di pazienza e poi potremo iniziare con gli interventi.
Grazie, mille volte grazie a tutti gli amici che stanno pensando a Gegè.

06-01-2018 - Un saluto veloce da Gegè che oggi ha dormito tanto.
Iniziano ad arrivare da varie parti d'Italia le volontarie che aiutano da lontano la nostra associazione e che domani saranno presenti alla pizzata organizzata per lui.
Ma lui dorme e non sa quanta gente si sta muovendo in ogni angolo del mondo per aiutarlo, ognuno a suo modo.
Gegè, quanto amore hai raccolto intorno a te. L'avrebbe mai immaginato chi ti ha fatto tutto questo?
A domani amici, buonanotte.

05-01-2018 - Procediamo, un altro giorno è passato e a lui non sembra vero di essere stato messo all'ingrasso.
Si domanderà tutto questo ben di Dio di pappa se veramente è solo per lui, però mangia a più non posso, ancora con la paura data dalla fame patita.
Gegè mangia le crocche Mini Starter della Royal Canin, cibo secco per cuccioli, perchè lui come Salvo non mastica e quindi questo cibo oltre ad essere molto nutriente per lui è di facile assunzione.
Vi chiediamo col cuore in mano, se qualcuno ci può aiutare ve ne saremmo infinitamente grati.

04-01-2018 - E intanto i giorni passano e i piccoli campioni imparano a sorridere.
Per chi ci chiede come sta, se sente dolore, Gegè è sereno, trascorre le sue giornate tranquillo. E' sempre sotto terapie e antidolorifici, ma perchè chiaramente la sua situazione al momento rimane molto molto delicata.
Sono trascorsi quasi dieci giorni dal suo arrivo e i suoi progressi in così poco tempo sono stati tanti.
Gegè è un piccolo campione, è la dimostrazione che nessuno può toglierci il sorriso se noi non glielo permettiamo e lui ride e ogni tanto ... russa anche .... come direbbe Salvo :)
Grazie con tutto il cuore a tutte le persone che ci stanno aiutando e che hanno un pensiero speciale per lui.

03-01-2018 - Il nostro dolce guerriero lotta in ogni istante e fortunatamente non gli manca l'appetito. E' ancora molto magro, oltre alle ferite il suo stato al momento del ritrovamento era di forte denutrizione.
Deve mettere su ciccia per affrontare l'anestesia e sopportare i lunghi e difficili interventi a cui verrà sottoposto.
Gegè ce la metterà tutta, sa di non essere più solo grazie a tutti voi.

30-12-2017 -Sera
Non so sinceramente come sono finito in questo grande posto che tutti chiamano “casa”. Sono qui da 6 giorni e vivo in una stanza dove ci sono tanti malatini come me, gatti e cani di ogni età, ognuno con la sua storia e patologia.
Chi è qui da tanto tempo dice che questo è solo l’ambulatorio, quello delle degenze, perché poi ce n’è un altro dove si fanno le cose un po’ più serie.
Mi hanno detto che questo posto è enorme, ci sono i recinti, due piazzali, casette in legno, magazzini... secondo me è una piccola città abitata solo da animali, dove delle persone si prendono cura di noi in ogni istante.
Qui si mangia bene, questa mattina una signora bionda mi ha portato la pasta e ieri sera mi hanno fatto assaggiare un po’ di pizza, ma quello che adoro di più in assoluto sono le crocche dei cuccioli, perché io non posso masticare e loro vanno giù bene oltre ad essere proprio gustose.
Qualcuno mi prendeva in giro oggi, dicendo che stavo mangiando la pappa di Salvo.. chissà chi è questo qua che ha le pappe tutte sue, ma spero di conoscerlo presto perché mi hanno detto che è un vero amico.
E poi c’è lei, che da quando sono arrivato mi ha preso in braccio e sta facendo di tutto per curare le mie ferite, dicono per farmi tornare alla normalità.
La prima pappa l’ho mangiata dalle sue mani e sempre le sue mani mi coccolano ogni volta che è qui con me.
Mi hanno detto che si chiama Cosetta, una toscanaccia con la pelle dura �� Sto imparando a conoscerla e devo dire che mi piace un sacco.
E poi voglio ringraziare tutti voi, perché mi hanno detto che vi siete stretti tutti intorno a me, alla mia triste storia. Ora ho una famiglia ed anche un nome e poi ho un cappottino caldissimo. Cosa potrei desiderare di più?

 

30-12-2017 - Mattina
Questa mattina colazione con la pastasciutta che gli ha portato tata Federica.
La fame è tanta, la lingua è lunga e in un attimo la pappa non c’è più ��
Fare di necessità virtù, questo è il motto di Gegè!!

 

29-12-2017 - Gegè è stato portato in clinica, ecco il resoconto di quanto è stato fatto.
<<Oggi abbiamo proceduto alla esplorazione e alla pulizia delle cavità nasali.
Abbiamo rimosso una grande quantità di tessuto necrotico, frammenti di cute, materiale e peli che si erano infilati nelle cavità nasali. Purtroppo abbiamo dovuto rimuovere diversi frammenti di osso necrotico appartenenti sia all'osso mascellare che al palato duro.
Abbiamo rimosso i frammenti dei denti selezionati dai pallini e ci siamo assicurati che le cavità nasali fossero pervie. Al suo risveglio Gegè ha ripreso a respirare con il naso. Adesso dovremo aspettare che si rimetta in forma in modo da potere sopportare i lunghi interventi ricostruttivi che dovrà affrontare.>>
La situazione è delicata ma chi ci conosce lo sa, siamo dei lottatori pazienti. Ora dovremo mettere in carne Gegè, renderlo idoneo ad affrontare gli interventi di ricostruzione a cui sarà sottoposto, interventi lunghi eseguiti da equipe di specialisti.
Siamo certi che insieme a voi restituiremo a questa creatura la bellezza, se si può essere più belli di così, ma questa lunga strada la percorreremo insieme a tutti voi.
E lui con quei suoi occhi che penetrano nell'anima ci continua ad osservare, cosa darei per conoscere i tuoi pensieri.
Grazie a chi ci aiuta, da tutti noi e dal nostro Gegè.

28-12-2017 - Domani Gege andrà in clinica, vi dettaglieremo il tutto.
Avremo bisogno di voi, la situazione è molto grave, le foto non rendono le sue reali condizioni. Lui è dolcissimo, buono, ha tanta voglia di vivere, adora le coccole. Domani vi racconteremo di Gegè.

27-12-2017 - Ce l'abbiamo fatta, siamo riusciti a farlo mangiare.
Con molta calma e pazienza abbiamo conquistato la sua fiducia e nonostante la paura di non riuscirci è stato lui ad aiutarci.
Gegè ha tanta voglia di vivere e come potrete immaginare è molto buono e dolcissimo. Fa male alzare lo sguardo su di lui, si ha la sensazione di mancargli di rispetto, abbiamo quasi paura di toccarlo, ma lui cerca il contatto, le carezze.
E' incredibile quanto abbiamo da imparare da queste creature, vittime dei nostri stessi simili.
Faremo l'impossibile per lui, grazie di cuore per il vostro sostegno.

 

26-12-2017 - Gegè quando è stato recuperato. La dolcezza dei suoi occhi, nonostante tutto, racconta più di mille parole.
Ha trascorso la notte tranquillo. E' sotto antibiotici, antidolorifici e fluido terapia.
Abbiamo fissato l'appuntamento con il chirurgo maxillo facciale, l'unico specialista che potrà dirci cosa è successo al piccolo e come si dovrà intervenire. Il dottor Messina ha studio ad Olbia, è uno dei massimi esperti in materia ed ha già trattato altri nostri casi che necessitavano la stessa tipologia di interventi.
Chi di voi ci segue da sempre ricorderà sicuramente le storie di Brina, Bringio, Giovanna, Bimba ... Ricorderà tutto ciò che abbiamo vissuto insieme, ma ogni storia è a sé e quindi anche con Gegè inizieremo con un passettino alla volta ed in seguito agli eventi decideremo il da farsi.
Vi ringraziamo come sempre per la vostra vicinanza e per il grande aiuto che vorrete darci.

25-12-2017 - Cosa vi possiamo dire questa sera?
Ci sono parole davanti a tanto scempio?
E' arrivato questa sera, è un maschietto e le sue condizioni le vedete, non dobbiamo raccontarvi nulla.
Non sappiamo cosa gli sia accaduto, se gli hanno sparato, se è stato un petardo o una ferita provocata dalla lotta con un altro animale ... non lo sappiamo. Appena avremo gli esiti delle radiografie vi potremo dettagliare meglio sia sulle sue condizioni che sulla causa del suo volto devastato.
E' pelle ed ossa, chissà da quanto tempo non riesce a mangiare né bere nulla.

Clicca sulle foto per ingrandirle!